Internazionale

INTERNAZIONALE - Roma 22.03.2017, Seminario “Industria 4.0".

“La promozione internazionale del Sistema Paese: strategie e strumenti”, Roma 27.01.2017

Executive Breakfast 27 Gennaio 2017

“La promozione internazionale del Sistema Paese: strategie e strumenti”

Roma, Palazzo Simonetti Odescalchi - Via Vittoria Colonna 11 (Piazza Cavour). 

Programma

ore 08:30 - Networking coffee
ore 08:40 Interventi:
- Vincenzo De Luca, Direttore Generale Direzione Generale Sistema Paese Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (sostituito dal Cons. Amb. Nicola Lener, Capo dell'Ufficio I della Farnesina, Internazionalizzazione delle Imprese)
- Michele Mascolo, Head of European Affairs Cassa Depositi e Prestiti
- Michal Ron, Managing Director Head of International Business Sace
Coordina: Alessandro Pica, Amministratore Delegato AGI Spa - Agenzia Giornalistica Italia
Sessione Q&A 
ore 10:40 Conclusione 

All'importante riunione capitolina hanno partecipato ben 63 esperti del settore, tra cui l'Avv. Salvatore Frattallone LL.M., specialista in International Business Law ed Export compliance nonché Accademico AEREC e Presidente del Distretto Lagunare Nord-Est, per il commercio internazionale delle p.m.i. Ha altresì preso parte attiva al consesso anche il Commendator Carlo Capria - che è Direttore dell'Osservatorio Piccole e Medie Imprese e che si occupa d'internazionalizzazione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie Territoriali) - anch'egli Accademico AEREC (Accademia Europea delle relazioni Economiche e Culturali). 
Nella foto introduttiva, i relatori.

Print Email

INTERNAZIONALE - Corriere della Sera e Il Messaggero, "L'AEREC AL CNR".

AEREC

Giovedì 29 dicembre 2016 - Corriere della Sera. Si è svolta a Roma la 53a Convocazione Accademica per le Relazioni Economiche e Culturali (AEREC), organizzazione che aggrega personaggi di alto profilo culturale, umano, scientifico e professionale provenienti da diversi settori economici. La convocazione, dopo il saluto del Presidente AEREC Ernesto Carpintieri e del Presidente del CNR Massimo Inguscio, ha avuto inizio nella sala conferenze del Consiglio Nazionale delle Ricerche, sui temi della salute e dell'economia, alle quali hanno preso parte alcuni autorevoli esperti seguiti da un folto pubblico, composto dagli Accademici e dai loro ospiti. 
Alla conferenza ha fatto seguito la tradizionale cerimonia di nomina dei nuovi Accademici, tra cui l'Ing. Selene Giupponi, accompagnata dal suo presentatore, l'Avvocato Salvatore Frattallone LL.M., Presidente del Distretto Lagunare. 

Vedi anche l'articolo pubblicato su Il Messaggero, nell'edizione del 21.12.2016:

Continue Reading

Print Email

INTERNATIONAL TRADE - Export compliance about Dual Use items: no-undercut clauses and DUeS.

Il Regolamento (CE) n° 428/2009, come successivamente modificato dal Reg. (EU) n° 388/12, ha istituito un regime comunitario di controllo delle esportazioni di prodotti e tecnologie a duplice uso, che figurano nell’All. I. In Italia le disposizioni del Reg. (CE) n° 428/09 sono state recepite con il vigente D.L. n° 96 del 09.04.2003. Dal 25.12.2015, poi, il Reg. (EU) n° 2420/2015 è entrato in vigore, con l'elenco aggiornato dei beni Dual Use. La disciplina che ne risulta é davvero rigorosa per le esportazioni,

Continue Reading

Print Email

INTERNATIONAL TRADE - Esportatore, destinatario e utilizzatore finale dei beni duali.

Come può essere definito l’«esportatore» di beni Dual Use? Ne esiste una definizione autonoma o bisogna rifarsi alla nozione introdotta dal Codice Doganale? Davvero l’esportatore deve risalire, oltreché al destinatario delle merci, anche al loro utilizzatore finale nel Paese terzo? Per rispondere a questi interrogativi è indispensabile rifarsi al Capo (art. 2) del Regolamento CE n° 428/2009 (come modificato dal Reg. EU n° 338/2012 e dal Reg. EU n° 1232/2011), che 

Continue Reading

Print Email

INTERNATIONAL TRADE - Controlli all'esportazione e beni Dual Use.

Ci sono dei beni che possono essere utilizzati per scopi civili, ma anche per scopi militari, quali armi di distruzione di massa (le così dette «WMD»). Questi beni, per l'appunto suscettibili di un uso «non convenzionale», sono definiti DUAL USE, ovverosia duali, e proprio la potenzialità intrinseca del loro possibile impiego alternativo, tale da mettere a rischio la sicurezza d'uno Stato o, comunque, da compromettere la pace collettiva, ne ha reso necessaria la regolamentazione,

Continue Reading

Print Email

I più letti