Internazionale

RESPONSABILITÀ SANITARIA - Starbene, "Mentre mio padre era ricoverato in ospedale, un infermiere gli ha dato un pugno. Posso far causa all’ospedale?".

«Mentre mio padre era ricoverato in ospedale, un infermiere gli ha dato un pugno. Ho saputo in seguito che aveva già maltrattato altri pazienti. Posso far causa all’ospedale?»

(in Starbene, n° 35 del 22.08.2016, Sportello dei diritti del paziente

«Sì: se l’infermiere era agitato e non era in grado di svolgere adeguatamente le sue mansioni, la struttura ospedaliera ne è responsabile e deve risponderne», dice Salvatore Frattallone, Avvocato del Foro di Padova. «L’ospedale ha l’obbligo di adottare tutte le misure necessarie a garantire l’incolumità dei degenti:

al momento del ricovero, stipula un 'contratto di spedalità' con il malato, in virtù del quale deve assicurare sia le cure necessarie, una degenza sicura e serena, impedendo che, come è successo a tuo padre, un malato venga aggredito e/o minacciato all’interno della struttura (Cass. civ., Sent. n° 19685/2014). L’ospedale risponde però anche per responsabilità extracontrattuale (artt. 2043 e 2049 c.c.), perché l’infermiere ha sferrato il pugno sul posto di lavoro: pur sapendo che l’uomo aveva già dato segno di squilibrio e aveva avuto precedenti proprio in corsia, l'ospedale non ha adottato misure adeguate a tutela dei ricoverati. Tuo padre potrà perciò citare in giudizio la struttura sanitaria per ottenere il risarcimento dei danni  subiti». 

Tags: Padova, commissione pari opportunità regione veneto, termine, medico specializzando, colpa per assunzione, dato sensibile, Monte Titano, Marina Gorka, come tutelare oggi il patrimonio di domani, cassazionista, airlines, Commissione Europea, oscuramento dei siti Web, delistening, assenza di un valido motivo per uscire di casa, menzogna

Print Email

I più letti