Resp. sanitaria

RESP. SANITARIA - StarBene, "Attualità: se l'ospedale finisce su facebook".

StarBene n° 11 del 28.02.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

Se l'ospedale finisce su facebook. 
È permesso postare sui social scene di ordinaria vita in corsia? Lo fanno in tanti, ma i rischi sono elevati».

(da StarBene n° 11 del 28.02.2017, pag. 21, servizio di Ida Macchi)
>>> Consulta gratis il nostro esperto Avv. Salvatore Frattallone - Esperto di privacy e responsabilità sanitaria a Padova - tel. 02.70300159 - 2 marzo ore 15-16

In caso di malasanità«Libertà di ripresa se video o immagini servono a dimostrare un caso di malasanità o un errore medico di cui si è stati vittima, o che ha coinvolto un parente o un amico e si vuol intentare una causa di risarcimento», chiarisce l'Avvocato Frattallone. «Il materiale, però, deve essere tassativamente consegnato all'autorità giudiziaria e se ne deve fare un uso pubblico. Con la stessa finalità, è possibile registrare anche i colloqui con i medici: non c'è nessun obbligo di informarli o di avere il loro consenso. La registrazione, consentita dall'articolo 5 del codice privacy, va poi utilizzata solo come prova per una causa, senza pubblicizzarla ai quattro venti».
C'è chi immortala con tablet o smartphone il medico in visita ai pazienti e posta il video su facebook. C'è chi filma persone ricoverate nei corridoi, o altre scene di presunta malasanità, e le fa girare su Instagram. È così che l’ospedale va in diretta. Tutto lecito? La Regione Lombardia ha deciso di imporre uno stop: a novembre scorso ha approvato alcune direttive e, a breve, negli ospedali lombardi apparirà un cartello che informerà i pazienti riguardo alle pratiche corrette in tema di registrazioni audio e video. Già, perché se non si sta più che attenti, si rischia grosso.  

Occhio ai "reportage"
Se non si vuole incorrere in sanzioni penali, niente post di medici o infermieri, mentre lavorano in ospedale «l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori stabilisce che è proibito controllare un lavoratore attraverso impianti audiovisivi o altre apparecchiature simili, compreso lo smartphone di un improvvisato cronista”  spiega Salvatore Frattallone, Avvocato del Foro di Padova, esperto di privacy e di responsabilità sanitaria. E se non si tratta di dipendenti della struttura? «Sulle pagina dei social visibile a tutti è proibito postare foto o riprese che ritraggono ignari protagonisti del “reportage”: pazienti in coda per il ritiro dei referti, o in attesa al pronto soccorso, per esempio. Nessun divieto, invece, di pubblicarle sulla pagina di un gruppo Facebook “chiuso o segreto”», continua l'avvocato. «Attenzione, però, se le immagini vengono associate a commenti pesanti, magari nei confronti di un medico o dell’ospedale, scatta il reato di diffamazione che ricade anche su chi aggiunge ulteriori commenti denigratori, su chi condivide il post e lo gira sulle pagine Facebook dei proprio amici e addirittura su chi clicca un semplice Mi Piace”».  

Via libera ai selfie
I selfie sono ammessi, anche se scattati nel letto di degenza o in corsia, magari per esibire una ferita appena suturata, una gamba ingessata, o i sensori dell’elettrocardiogramma fissati al petto. «“Le immagini, però, non devono essere lesive per il buon costume” (tassativo quindi un po’ di bon ton) e, anche in questo caso, “senza alcun commento pesante verso medici , infermieri & co. Altrimenti si ricadere nuovamente nel reato di diffamazione che, in questo caso, è aggravato dal fatto che le offese, avvalendosi della piazza virtuale dei social, viaggiano sull’onda di un vero e proprio tam tam mediatico», chiarisce l'avvocato. 

Niente bollettini medici on line
«È vietato anche pubblicare informazioni sullo stato di salute di un paziente, comprese quelle di un parente stretto: lo si può fare solo se il diretto interessato dà un consenso scritto alla divulgazione sui social del suo bollettino medico», avverte l'esperto.

Stampa Email

RESP. SANITARIA - StarBene, "Il ginecologo non mi ha fatto fare il test che chiedevo".

StarBene n° 11 del 28.02.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

Lo specialista ha detto che l'esame per le malattie cromosomiche era inutile. Mia figlia, invece, è nata con una grave sindrome. Che cosa posso fare?

(da StarBene n° 11 del 28.02.2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 12)

«Puoi ottenere un risarcimento del danno, citando in giudizio il medico che non ha ritenuto necessario effettuare il test», risponde Salvatore Frattallone LL.M., Avvocato del Foro di Padova. «Non esistono cure per le anomalie cromosomiche (come, per esempio, la trisomia 21, o sindrome di Down), ma se risulta che il feto ne è affetto, per legge è possibile

Leggi tutto

Stampa Email

RESP. SANITARIA - StarBene, "L'odontoiatra ha danneggiato il trigemino con l'implantologia".

StarBene n° 10 del 21.02.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

È successo un anno fa, ma ho scoperto solo ora che chi mi ha operato non poteva esercitare in Italia. Sono ancora in tempo per fare una denuncia?  

(da StarBene n° 10 del 21.02.2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 12)

«Per il reato di lesioni colpose determinate da colpa medica ci sono solo 3 mesi di tempo per sporgere querela. Però, questo lasso di tempo non decorre dal momento in cui si viene a sapere di essere stata vittima di una lesione, ma da quello, successivo, in cui si apprende che su di essa hanno influito errori diagnostici o terapeutici del medico curante. Nel tuo caso, aver scoperto che il dentista al quale ti sei affidata non poteva esercitare in Italia», risponde Salvatore Frattallone, Avvocato LL.M. del Foro di Padova.  «Attenzione:

Leggi tutto

Stampa Email

RESP. SANITARIA - StarBene, "Temo che mia figlia possa farsi del male".

StarBene n° 9 del 14.02.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

È in cura in un reparto di psichiatria per depressione grave con tendenza all'autolesionismo. Chi è responsabile della sua incolumità?  

(da StarBene n° 9 del 14.02.2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 9)

«Lo psichiatra della struttura sanitaria che ha in cura tua figlia, perché è titolare di una ‘posizione di garanzia’ nei confronti della paziente: se sussiste un rischio concreto di condotte autolesive, per legge ha l’obbligo di mettere in atto specifiche cautele», spiega Salvatore Frattallone, Avvocato del Foro di Padova. «La stessa responsabilità è a suo carico anche se la paziente, come nel caso di tua figlia, non è sottoposta a ricovero coatto:

Leggi tutto

Stampa Email

RESP. SANITARIA - StarBene, "Lunghe attese all’ambulatorio dell’assistenza medica turistica".

StarBene n° 8 del 07 febbraio 2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

Dopo un incidente sugli sci, mi sono recata al pronto soccorso per i turisti, ma ho atteso ore perché il medico era assente. Poteva davvero allontanarsi?

(da Starbene n° 8 del 07 febbraio 2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 12)

«Assolutamente no. Per la precisione, la condotta del medico prevede il reato di interruzione di un pubblico servizio, punibile ai sensi dell’art. 340 del codice penale. Affinché il reato sia riconosciuto, infatti, è sufficiente», spiega Salvatore Frattallone, Avvocato LL.M. del Foro di Padova, «che l’interruzione sia anche soltanto momentanea, purché di durata non irrilevante (per esempio pochi minuti), e come tale in grado di arrecare un effettivo pregiudizio alla concreta operatività della prestazione.

Leggi tutto

Stampa Email

I più letti