Privacy

PRIVACY - HuffPost, "Come ti spio il pargolo con il GPS, ma è legale?".

www.huffingtonpost.it, 19.04.2016, di Johann Rossi Mason

da www.huffingtonpost.it, 19.04.2016, di Johann Rossi Mason*   

Come ti spio il pargolo con il GPS, ma è legale?

I genitori 2.0 hanno imparato a monitorare i figli. Controllano dove sono guardando il GPS del loro telefonino, sbirciano la loro pagina Facebook, ricevono copia di tutti i messaggi WhatsApp che si scambiano con gli amici e sanno a memoria la cronologia delle ricerche che effettuano su Google. Basta installare sullo smartphone del pargolo un invisibile software spia e il gioco è fatto, ce ne sono decine in rete. Sanno quindi in tempo reale se i figli bevono, si drogano o hanno rapporti sessuali, se non vanno a scuola o se stanno preparando un attentato terroristico (meno frequente ma non si sa mai). I software spia tolgono loro il disturbo di fare domande scomode e il fastidio di sentirsi mentire. Questo li rende tranquilli? Tutt'altro, sono genitori ansiosi e insicuri e i dispositivi di monitoraggio aumentano il loro livello di allerta che diventa cronico. Ma questo sarebbe un problema secondario, la realtà è che queste forme di controllo, anche se interessano i minori sono ai limiti della legalità. Lo spiega l'Avvocato Salvatore Frattallone, penalista ed esperto in questioni che attengono la privacy, al quale abbiamo chiesto fin dove possa arrivare il controllo.

Leggi tutto

Stampa Email

PRIVACY - Gente, "Per prevenire gli abusi, i genitori chiedono telecamere obbligatorie negli asili. È possibile? ".

Gente, settimanale, n° 14 del 12.04.2016, articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone

Per prevenire gli abusi, i genitori chiedono telecamere obbligatorie negli asili. È possibile? Dopo gli ultimi casi di maltrattamenti nei nidi e nelle materne, madri e padri invocano controlli fissi più serrati. Che cosa dice la legge in proposito? Risponde Salvatore Frattallone, Avvocato penalista del Foro di Padova, esperto di privacy. 

(in Gente, settimanale, n° 14 del 12.04.2016, Domande e risposte d'attualità)

Sono sempre più frequenti i casi di denunce e querele sporte da genitori contro maestre e operatori scolastici. In questi casi, l'autorità giudiziaria può procedere installando telecamere, ossia compiendo un'intercettazione ambientale, al fine di smascherare i colpevoli. I privati però non possono mai installare telecamere per vedere cosa accade a scuola, tantomeno è lecito mettere registratori in tasca ai propri figli. Nel caso ci sia il sospetto di un abuso e non si riesca a rintracciare il responsabile, si può chiedere l'intervento del garante della privacy che, previa supervisione caso per caso, dà l'autorizzazione a installare dei dispositivi di videosorveglianza o la nega. Le webcam vanno però utilizzate solo quando sia davvero necessario, non solo per controllare che cosa accade a scuola. Sono infatti strumenti molto invasivi che possono incidere sulla libertà di insegnamento ma anche ingenerare nel minore, sin dai primi anni di vita, la percezione che sia normale essere sorvegliati. Reputo però che le scuole stesse dovrebbero essere più propense a far entrare le telecamere in classe anche per "smontare" accuse infondate. Ma non esiste una legge che autorizzi questo tipo di trattamento e molti quesiti rimangono aperti: chi visionerebbe le immagini acquisite e per quanto tempo rimarrebbero fruibili? In questi casi le misure di sicurezza andrebbero comunque anche a tutela dei lavoratori. 

 

Stampa Email

PRIVACY - HuffPost, "Il Grande Fratello in sala operatoria che fa discutere".

www.huffingtonpost.it, 23.03.2016, di Johann Rossi Mason

da www.huffingtonpost.it, 23.03.2016, di Johann Rossi Mason*   

La scatola nera in sala operatoria.

Di mettere sotto osservazione gli interventi chirurgici si parla già da alcuni anni e l'argomento è tornato prepotentemente alla ribalta, l'idea è quella di dotare tutte le sale operatorie di strumenti di videosorveglianza audio e video che possano rappresentare una documentazione o una prova in caso di controversie e sospetti di errori medici. L'adozione di questa misura è stata auspicata da Tonino Aceti, coordinatore nazionale di Cittadinanzattiva che ritiene che sarebbe uno strumento prezioso alla stregua della scatola nera installata negli aerei e ancor prima da famiglie di pazienti che proprio durante una operazione hanno perso figli o congiunti. Numeri importanti quelli degli errori medici: 32mila casi l'anno a cui sono seguite 30mila denunce e richieste di risarcimento e, secondo l'associazione Amami il 5,5% dei ricoveri in ospedale finisce in un decesso evitabile, tra i 30 e i 35mila l'anno. Abbiamo chiesto cosa ne pensano i diretti interessati, i chirurghi nella persona del Presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Corcione, ecco cosa ha dichiarato: "noi guardiamo con favore ad una iniziativa del genere che può servire a diminuire il contenzioso, non abbiamo obiezioni purchè poi le informazioni registrate siano analizzate da persone davvero competenti per materia e per specialità, ad esempio esperti designati dalle singole società scientifiche, una misura che servirebbe a fare maggiore chiarezza nelle cause. La seconda perplessità è relativa alla privacy, per cui sarebbe necessaria una ripresa del campo operatorio, ma anche una che riprenda i macchinari e tutto l'audio ambientale risparmiando però i lavoratori. Definiti questi aspetti io ritengo che una 'scatola' nera possa essere un ausilio importante in contesti critici e delicati in cui si ha a che fare con la vita delle persone e oltre a quella dei pazienti mi riferisco anche ai medici talora ingiustamente accusati". Mentre alcuni commenti in "camera caritatis" di medici che non vogliono essere citati suggeriscono che sapere di essere registrati impedirebbe e falserebbe una relazione fisiologica tra tutti gli attori e potrebbe essere controproducente, insomma, in sala operatoria si impreca (spesso) e si affrontano momenti critici che il più delle volte vengono superati. 

Ma cosa dice la legge in merito? Ci sono problemi di privacy di cui tenere conto? "Certamente sì" spiega l'Avvocato Salvatore Frattallone del Foro di Padova e esperto in privacy "L'iniziativa di installare una "scatola nera" nelle sale operatorie è da considerarsi encomiabile sotto due diversi aspetti: quelli della finalità didattica e di quella probatoria (basti pensare ai numerosi casi di malasanità).

Leggi tutto

Stampa Email

PRIVACY - Roma, 14.03.2016: "Liberi e connessi", di Antonello Soro

Presentazione del libro di Antonello Soro

 Presentazione del libro di Antonello Soro

"Liberi e Connessi"

Possiamo dirci ancora liberi nella società digitale? Le nuove tecnologie, pur offrendoci straordinarie possibilità, rischiano di imporci nuove schiavitù se non siamo capaci di proteggere, con i nostri dati, noi stessi e la nostra libertà. "Liberi e connessi" è il titolo del libro di Antonello Soro, Presidente dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali (Codice Edizioni). I temi affrontati dal libro - dal giornalismo ai social network, dalla profilazione commerciale alle intercettazioni, dalla "trasparenza" al diritto all'oblio -  verranno discussi il 14 marzo alle 17.00, presso la Sala del Tempio di Adriano, Piazza di Pietra - Roma, con la presenza anche dell'Avv. Salvatore Frattallone, invitato dal Garante della protezione dei dati personali, da Giovanni Floris, Stefano Rodotà e Luciano Violante

Stampa Email

PRIVACY - Il Jobs Acts e i controlli datoriali sui lavoratori

Cass. civ., Sez. lavoro, Sent. n° 20440, 12.10.2015

In un clima di incessanti riforme irrompe il tanto discusso Jobs Act (D.L.vo n° 151/2015), il quale modifica, per quel che qui interessa, il previgente testo dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori. La L. n° 300/1970), al primo comma dell'art 4, infatti, stabiliva - in materia di controlli datoriali - il divieto assoluto di utilizzo di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori. Il secondo comma prevedeva, invece, che gli impianti e le apparecchiature di controllo che fossero richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivasse anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori,  potessero essere sì installati ma esclusivamente previo accordo con le Rappresentanze Sindacali presenti in Azienda o, in caso di mancato accordo, previa autorizzazione della DTL territorialmente competente. Il Jobs Act, mutando la disciplina, ha eliminato, con un sol colpo di spugna, il divieto assoluto di cui al previgente primo comma, lasciando ferma invece la possibilità di controllo datoriale “previo accordo” di cui al secondo comma del vecchio art. 4 (attuale primo comma dello stesso articolo). Tale novità non è però l’unica e non certamente la più sconcertante.

Leggi tutto

Stampa Email

I più letti