Resp. sanitaria

MINORI - Convegno a Milano sull'affido condiviso, 05.06.12

CONVEGNO
Associazione Giovani Avvocati Milano – Palazzo di giustizia

"AFFIDAMENTO CONDIVISO E DISPARITÀ DEI DIRITTI"

05.06.2012 - ore 14.00/18.00
Tribunale Milano
- Salone Valente - Via Freguglia 14

 

Con il patrocinio di
“Fondazione Movimento bambino onlus”
“Figli per sempre onlus”
“Movimento femminile per la parità genitoriale”

 

Chairman:
Avv. Marcello Adriano Mazzola, Presidente Agam, Sez. Aiga di Milano

Relatori:
Avv. Maria Paola Mastropieri, Foro di Ivrea, "Applicazione e prassi della legge n. 54/06 sull’affidamento condiviso”

Leggi tutto

Stampa Email

MINORI - Escussione di p.o. minore per reati sessuali, perizia e nullità nel giudizio abbreviato.

Corte di Cassazione, Sez. III Penale, Sentenza 06.12.2011/08.02.2012 n° 4939

È nulla la perizia con cui è stato escusso il minore p.o. di reati sessuali, se la psicologa nominata dal G.U.P. non ha consentito che il difensore dell'imputato, che aveva chiesto di potervi assistere, partecipasse alle operazioni peritali da una saletta attigua, collegata telematicamente a quella in cui si svolgeva l'incidente probatorio? L'eventuale nullità attiene alla violazione del diritto di difesa? È superabile detto vizio se l'audizione è stata videoregistrata e il materiale della perizia psicologica è stato posto a disposizione della parte?
Per la Cassazione, al difensore che ne abbia fatto richiesta
spetta il diritto di assistere alle operazioni peritali e l'impedimento dell'esercizio di tale diritto si traduce, a prescindere dalla presenza o no dei C.T.P., a nullità di ordine generale attinente all'assistenza dell'imputato.

Leggi tutto

Stampa Email

MINORI - Separazione, nonni e nipoti, frequentazioni e diritto di visita.

Corte di Cassazione, Sez. I civile, Sent. 19.04./11.08.2011 n° 17191

Nell'Ordinamento giuridico vigente non sussiste un riconoscimento dell'autonomo diritto di visita dei nonni nei confronti dei nipoti.
La legge, però, attribuisce al minore il diritto di conservare rapporti significativi con i suoi ascendenti, nel quadro del mantenimento di un rapporto equilibrato e continuativo con i propri genitori e con la medesima finalità di evitare, per quanto possibile, che la separazione produca traumi nello sviluppo della personalità del minore.
In tema di famiglia e separazione personale dei coniugi, assumono sempre un aspetto di rilievo le statuizioni relative ai figli e, fra queste, la regolamentazione delle dinamiche parentali in materia di diritto di visita.
Qual è, in tale ambito, la portata del diritto di visita al minore da parte degli ascendenti e dei altri suoi parenti, dopo le modifiche all'art. 155 C.C. operate dall'art.1, co. 1, della legge n° 54/2006 che ha introdotto in Italia l'istituto dell'affido condiviso?

Leggi tutto

Stampa Email

MINORI - Consensus Conference sull'ascolto del minore testimone, Linee Guida Nazionali 06.11.10

L’ascolto del minore testimone

L’ascolto
 del 
minore 
testimone

Un minorenne che ha subito abusi sessuali dev'essere sentito appena possibile o è preferibile attendere che il ricordo sedimenti nella sua memoria? Chi deve procedere all'ascolto? Con che metodiche? Quali sono i meccanismi mnestici e come operano? Come misurare la capacità a deporre del minorenne? Quali i parametri di credibilità, attendibilità e veridicità del testimone minorenne? Quali i pericoli d'inquinamento della fonte di prova, dovuti a contaminazioni e manipolazioni, anche involontarie, provenienti dal mondo degli adulti e da altri minori con cui il teste si relazioni? Quali i fattori di stress e quali i nessi eziologici tra condotta di abuso e turbamento? A questi e ad altri quesiti cerca di rispondere la Consensus Conference approvata a Roma il 06.11.2010, individuando i criteri scientifici atti ad aiutare l'esperto, i giudici, i magistrati inquirenti e gli avvocati nell'interfacciarsi con il minore,

Leggi tutto

Stampa Email

MINORI - Ascolto di minore abusato, Carta di Noto, 3° aggiornamento.

CARTA DI NOTO - 3° aggiornamento

La Carta di Noto, che detta le linee guida per l’esame del minore in caso di abuso sessuale, ha ricevuto il terzo aggiornamento, lo scorso 10/12.06.2011.
Interrogare i minori è un'attività impegnativa, che impone - per non inficiare la prova - il rispetto di peculiari metodi e procedure. Tanto più giovane (e, quindi, vulnerabile) è la persona da intervistare, tanto maggiore dev'essere l'attenzione riposta nei criteri, elaborati dalla più moderna scienza psicologica e dalla neuropsichiatria infantile, per l’ascolto del minore e per interpretarne correttamente l'apporto testimoniale e non inficiarne la traccia mnestica, che va salvaguardata rigorosamente al fine dell'affidabilità sulla ricostruzione processuale del fatto.

Leggi tutto

Stampa Email

I più letti